Se si parla di riso al latte in Piemonte, tutti almeno una volta l’hanno mangiato e a quanto pare, anche nel resto di Italia non è cosa sconosciuta… Nel resto di Italia per l’appunto, fatta eccezione di casa mia.

Non lo avevo mai mangiato fino a quando lo scorso anno sono stata costretta al digiuno forzato dato dal mal di denti. Avevo appena dominato il dolore che mi aveva fatto passare la notte in bianco quando iniziai ad avere fame. Non sapendo cosa mangiare, per evitare qualsiasi cosa che doveva essere masticata, mi preparai il riso al latte, che per non pensare troppo avevo cercato di fotografare. Lo dico che la foto venne schifosa come non mai?! Ecco, l’ho detto! Era schifosa almeno quanto me in quel momento che mi trascinavo da una stanza all’altra di casa sperando che l’indomani arrivasse in fretta per correre dal dentista. Questa è stata la mia prima esperienza con questa sorta di budino che però, budino non è.

Ci voleva il Club del 27 per farmelo preparare di nuovo! Questo mese infatti, per accompagnare la sfida n. 65 che celebra, in tutta la sua magnificenza il sartù, il tema del mese riproposto è quello della sfida n. 41 sul riso. Per vedere tutte le ricette che questo mese hanno reso onore al club del 27, non vi resta che fare un salto qui!

 RISO al LATTE (ricetta di Simonetta Nepi)

 Ingredienti:

  • 800 ml di latte
  • 200 ml di panna
  • 150 g di zucchero  
  • 100 g di riso tipo Carolina (Roma)
  • 1 baccello di vaniglia (a volte uso le bacche di cardamomo leggermente schiacciate)
  • 1 pezzetto di scorza di limone
  • cannella in polvere
  • cacao in polvere

Procedimento:

  1. Fate scaldare a fuoco medio il latte e la panna con le spezie e la scorza di limone, appena inizia a sobbollire versare il riso. Mescolate di tanto in tanto e continuate la cottura sino a che il composto sia bello cremoso ci vorranno più o meno 45 minuti.
  2. Aggiungere lo zucchero e continuare la cottura per altri cinque sei minuti, sino a che il riso al latte recuperi la consistenza cremosa.
  3. Togliere le spezie e la scorza di limone e versatelo nelle coppette e fatelo raffreddare, poi spolveratelo con cannella e cacao.

Consigli: cercate un buon riso e un buon latte, cosa non così banale.
Controllare bene la cottura: un attimo prima è troppo duro un secondo dopo troppo spappolato.
Volendo si può mettere subito lo zucchero che si caramella durante la cottura dando un colore beige e un sapore tutto particolare.

 

  • Difficoltà: bassa
  • Tempi di preparazione: 10 minuti
  • Tempi di cottura: 40/45 minuti
  • Modalità di cottura: fornello
  • Porzioni: 4/6 porzioni

18 Comments on Riso al latte per il club del 27

  1. lisa fregosi
    27 aprile 2017 at 14:11 (4 settimane ago)

    foto meravigliose, ricetta splendida!

    Rispondi
  2. Pattypa
    27 aprile 2017 at 16:06 (4 settimane ago)

    Semplice e vellutato il risolatte, ma fantastiche le tue fotografie! Complimenti. Un bascione

    Rispondi
  3. Pattypa
    27 aprile 2017 at 16:10 (4 settimane ago)

    Buonissimo il risolatte ma meravigliose le tue foto, complimenti. Un bascio

    Rispondi
  4. Antonella
    27 aprile 2017 at 21:14 (4 settimane ago)

    Belle le tue foto, ricetta semplice che mi ricorda la semplicità dell’infanzia, abbandonata diventando grande. Ma perchè?

    Rispondi
  5. Antonella
    27 aprile 2017 at 21:15 (4 settimane ago)

    Foto molto bella, permane la semplicità di una ricetta per la semplicità dell’infanzia. Ricetta abbandonata diventando grande, ma perchè?

    Rispondi
  6. Gaia
    27 aprile 2017 at 22:48 (4 settimane ago)

    A me invece piace tanto, mi ricorda l’infanzia… hai fatto bene a riscoprirlo, senza il mal di denti!

    Rispondi
  7. Tina
    27 aprile 2017 at 22:51 (4 settimane ago)

    Questi vasetti sono deliziosi!

    Rispondi
  8. Daniela
    27 aprile 2017 at 23:27 (4 settimane ago)

    Foto stupenda e anche il riso latte naturalmente 🙂

    Rispondi
  9. Valentina
    28 aprile 2017 at 13:14 (4 settimane ago)

    Non si conosceva neanche in casa mia! L’ho provato solo adesso e ne sono felicissima. Vedi però che dal mal di denti hai scoperto qualcosa di nuovo 🙂 Splendide foto!

    Rispondi
  10. Anna Laura
    28 aprile 2017 at 13:38 (4 settimane ago)

    Non era certo legato ad un bel ricordo, adesso è stato sostituito!

    Rispondi
  11. Tiziana
    28 aprile 2017 at 20:51 (4 settimane ago)

    Foto e presentazione meravigliosa…Un bacione

    Rispondi
    • Alessandra
      5 maggio 2017 at 02:16 (3 settimane ago)

      Grazie Tiziana!

      Rispondi
  12. Elena
    1 maggio 2017 at 17:10 (3 settimane ago)

    ma che belle foto! tutto così bianco e lindo, il tuo blog è proprio elegante, e sei riuscita a rendere così pure il tuo riso-latte, bravissima!

    Rispondi
  13. Alessandra
    1 maggio 2017 at 18:12 (3 settimane ago)

    Io riso e latte a casa mia l’ho sempre mangiato salato e mai dolce. Lo proverò. Bellissime foto.

    Rispondi
  14. Ilaria
    2 maggio 2017 at 12:36 (3 settimane ago)

    la tua prima foto non sarà venuta bene, ma questa è stupenda, e ancor di più mi è piaciuta la seconda con i vasetti vuoti. Il risolatte è un confort food per eccellenza tienilo sempre in conto.

    Rispondi
  15. caterina
    3 maggio 2017 at 23:55 (3 settimane ago)

    Ma che buono il riso al latte vero?? Io ho fatto la versione greca e me ne sono innamorata!! Che belle le tue foto!

    Rispondi
    • Alessandra
      5 maggio 2017 at 02:08 (3 settimane ago)

      E’ stata davvero una piacevole scoperta! Il tuo nella versione greca era spettacolare!

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*