panzerotti

Oggi il calendario del cibo Aifb celebra la giornata del panzerotto e io cosa faccio, non partecipo?! Tenendo conto che l’ambasciatrice è la bravissima Valentina (non perdete assolutamente il suo articolo!)… Naturalmente in ritardo come sempre, ma il panzerotto è un lievitato e quando c’è da impastare io sono sempre pronta e poi, per me il panzerotto vuol dire vacanze. Ma vacanze vere! Quelle che posso fare solo in Cilento e in nessun altro posto, perché per me le vacanze al mare sono quelle, tutte le altre sono vacanze e anche se c’è il mare per me non è la stessa cosa. D’altronde quando in un posto ci vai per più di venti anni… Lo porti nel cuore, c’è poco da dire!

lungomare-acciaroli– Porto di Acciaroli – Sa-

Il paesino che mi ospita è Agnone Cilento, un piccolo borgo marinaro sconosciuto ai più fin quando in quelle zone non è stato girato Benvenuti al Sud. Per quanto il film non abbia a che fare con Agnone, il turismo è notevolmente aumentato. Ricordo che i primi anni quando arrivavamo, eravamo noi i primi turisti della stagione e sulla spiaggia, oltre al nostro ombrellone, non ce n’erano altri. Ora trovare posto è impossibile e così in macchina ci trasferiamo sulla spiaggia del paese vicino, più grande e meno ciottolosa. E’ proprio nel paese “di fianco”, Acciaroli, che si trova la rosticceria dove mi fermo a prendere il panzerotto. Il profumo che emana quella piccola botteguccia che ha l’espositore in strada lo si può sentire dall’inizio della via… E anche se normalmente il fritto non lo mangio, anche se fa caldo e la fretta di mangiare il panzerotto fa si che io mi ustioni immancabilmente, fermarsi lì è una tappa fissa! E allora oggi ho voluto riprodurlo per rendere omaggio a questa giornata. Adesso mi trovo a Torino, senza mare, il che è già na’ mezza tragedia, ma felice con il mio panzerotto fritto!

Panzerotti

Ingredienti per l’impasto:

  • 250 g di farina 00
  • 250 g di farina 0
  • 300 ml di acqua
  • 1 bustina di lievito disidratato
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 16 g di sale
  • 2 cucchiaini di zucchero

Ingredienti per il ripieno:

  • 150 g di proscitto cotto
  • 150 g di ricotta
  • 100 g di scamorza

Procedimento:

  1. In un contenitore disponete la farina a fontana formando una cavità nel centro. In una ciotola sciogliete il lievito di birra con un po’ di acqua (un bicchiere circa), aggiungete lo zucchero e lasciatelo da parte fino a quando sulla superficie non compariranno le bollicine (vuol dire che il lievito è stato attivato). Mescolate la restante acqua con il sale. Aggiungete il lievito alla farina. Iniziate ad impastare aiutandovi con un cucchiaio,quando la farina avrà  assorbito il liquido aggiungete l’acqua con il sale, trasferite l’impasto su una spianatoia e lavoratelo con le mani. Quando l’impasto sarà liscio ed elastico mettetelo all’interno di una ciotola e copritelo con un canovaccio. Lasciate lievitare l’impasto (lontano da correnti d’aria o meglio se nel forno spento con la sola luce accesa) per almeno due ore o fino a quando non avrà raddoppiato il suo volume.
  2. Dividete l’impasto in sei parti uguali. Formate delle palline e lasciatele lievitare nuovamente fino a quando il volume non sarà raddoppiato.
  3. A lievitazione ultimata ponete sul fuoco una casseruola con abbondante olio (i panzerotti dovranno essere immersi) e portatelo a temperatura. Nel frattempo con le mani schiacciate le palline di impasto (una per volta mentre l’altra cuoce) fino ad ottenere un disco di pochi mm di altezza.
  4. Farcite ogni disco con una fetta di cotto, un cucchiaino abbondante di ricotta e qualche dadino di scamorza. Sigillate perfettamente i bordi e friggete nell’olio bollente fin quando non saranno dorati in superficie.Servite caldissimi.

panzerotti-cotto-ricotta

Difficoltà: BASSA

Tempi di preparazione: 90 MINUTI + IL RIPOSO

Tempi di cottura: 10 MINUTI CIRCA PER PEZZO

Modalità di cottura: FORNELLO

Porzioni: PER 6 PEZZI

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*